carXpert Interwetten

Technomag / 22. maggio 2017

Tom Lüthi (3.) : nono podio in undici gare

Per la nona volta in questa stagione, Tom Lüthi (carXpert Interwetten) sale sul podio. Terzo nel GP d’Austria dopo una battaglia durata tutta la gara contro Alex Marquez e Franco Morbidelli, lo Svizzero ha tentato tutto con delle manovre impressionanti. Le posizioni del trio d’avanti cambiavano continuamente. Anche se ha perso 9 punti sull’attuale primo in classifica, Tom ha dimostrato una volta in più a che livello può gareggiare in questo mondiale.

Dopo 2 giorni difficili nelle prove, Jesko Raffin (Garage Plus Interwetten) è riuscito a correre la gara in maniera solida piazzandosi al 18° posto. Meno fortunato è stato il suo compagno di squadra Iker Lecuona (Garage Plus Interwetten): preso dalla carambola nella prima curva, è ugualmente riuscito a girare in tempi abbastanza buoni prima di doversi fermare ai box e concludendo finalmente la gara al 21° posto. Il patron Frédéric Corminboeuf si dice soddisfatto del risultato. «Nove podi in undici gare è certamente un risultato eccezionale. Si può dire che Tom sia stato il più veloce di tutti ma in qualche zona della pista ha avuto dei piccoli problemi. Ma che aggressività! Ha voglia, è sempre presente, tutto attorno a lui è positivo. Da parte di Jesko, oggi, abbiamo ricevuto segnali importanti. Finalmente. Con lui dovremo lavorare soprattutto mentalmente per poterlo vedere a Silverstone nella posizione che merita. Quanto a Iker è un peccato. Nelle prove era a 9 decimi dal risultato migliore, nel Warm-up ha girato a un buon ritmo. Si è trovato nel momento sbagliato al posto sbagliato.»

Lui dice…
Tom Lüthi (carXpert Interwetten, 3.): 

«Che battaglia, che spettacolo! Credo sia stato divertente guardarci o no? Con Alex c’è stato solo un piccolo fraintendimento: eravamo tutti e due sicuri che avessimo un ritmo più alto e abbiamo quindi provato ad imporci. Peccato, abbiamo avuto entrambi la stessa idea. Guadagnare tempo e batterci contro Frankie in una corsa a tre. Tutti hanno visto che avevo dei problemi nella curva N° 3. È dall’inizio del fine settimana che avevo problemi a frenare la moto in quella curva. Ho rischiato parecchio attaccando Alex. Ho perso qualche punto su Morbidelli ma il mondiale è ancora lungo. Franco ha girato al suo ritmo abituale, per questo gli faccio i complimenti. È difficile batterlo e questo lo sanno tutti. Ma può succedere ancora di tutto.»

Indietro